Test sierologico rapido nella sede di Bando

LE FARMACIE COMUNALI SOELIA, PARTE ATTIVA DEL PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE E IL CONTENIMENTO DEL COVID-19 ATTIVATO DALLA REGIONE.

Da lunedì 26 ottobre sarà possibile sottoporsi al test sierologico rapido nella sede di Bando.  Su base volontaria e gratuito, il test è rivolto agli alunni di tutte le scuole di ogni ordine e grado, ai loro genitori, ai familiari conviventi, ai nonni non conviventi e agli studenti universitari assistiti sul territorio regionale. La prenotazione è obbligatoria.

La direttrice delle Farmacie comunali Soelia, Mila Panizza: “L’adesione della nostra farmacia a questo progetto è volontaria, si tratta di una importante iniziativa di prevenzione che la Regione Emilia-Romagna ha messo in atto che ci consentirà di monitorare la diffusione del virus Covid-19 nel nostro territorio, individuando eventuali soggetti asintomatici che sono entrati in contatto con il virus e ne hanno sviluppato anticorpi. Per evitare di mettere a rischio gli utenti e il personale, effettueremo i test seguendo i protocolli di sicurezza e un percorso dedicato, per questa ragione abbiamo scelto la nostra filiale a Bando, in via Fiorana 10/b, dove disponiamo di un locale dedicato che garantisce riservatezza e consente di evitare assembramenti. Ci auguriamo che ci sia una buona risposta dei cittadini, che approfittino di questa opportunità di screening, determinante per individuare e contenere tempestivamente nuovi focolai.”

Chi può sottoporsi al test?
Possono effettuare il test tutti i bambini e i ragazzi che frequentano una scuola di qualsiasi ordine e grado, dall’asilo nido all’università, i loro genitori, fratelli e sorelle e altri familiari conviventi, nonni non conviventi.

Il servizio è riservato a chi ha assistenza sanitaria – pediatra di libera scelta o medico di medicina generale – in Emilia-Romagna.

Il test si potrà ripetere nel tempo a distanza di 60 giorni.

Perché farlo?

Il test sierologico permette di individuare l’eventuale presenza nel nostro organismo di anticorpi IgM e IgG, se presenti significa che siamo venuti a contatto con il SARS-CoV-2. Le IgM sono gli anticorpi che compaiono per primi, quindi la loro presenza indica un’esposizione al virus recente, le IgG cominciano a formarsi dopo circa 15 giorni dal contatto con il virus.

Come funziona il test?

Il test pungidito è molto semplice e veloce, prevede che venga raccolta una goccia di sangue capillare e vada inserita sulla striscia reattiva, si aggiunga il reagente, in 15 minuti si avrà la conclusione del test. Il farmacista assisterà in caso di bisogno.

Il test in totale sicurezza

Importante: possono sottoporsi al test solo i cittadini asintomatici, con temperatura sotto i 37,5 gradi.

Le regole per effettuare il test prevedono: il controllo della temperatura all’ingresso, l’obbligo di indossare correttamente la mascherina chirurgica o ffp2 (coprendo naso e bocca), l’igienizzazione delle mani e il distanziamento.

 

Se il test è positivo cosa si deve fare?

In caso di esito positivo, il cittadino verrà contattato dal proprio pediatra di libera scelta o dal medico di medicina generale per l’effettuazione del tampone nasofaringeo al fine di rilevare l’eventuale presenza del virus SARS-CoV-2.

La prenotazione.

Il test sarà effettuato solo su appuntamento, per la prenotazione chiamare il numero 0532 807284.